Itinerario da film a Rocca Calascio: cosa vedere e cosa mangiare

Itinerario da film a Rocca Calascio: cosa vedere e cosa mangiare

Qualche tempo fa vi ho parlato di Santo Stefano di Sessanio, un borgo in provincia dell’Aquila situato nel Parco Nazionale del Gran Sasso. Il paesino è molto vicino al CASTELLO DI ROCCA CALASCIO, una rocca in rovina immersa nella splendida natura abruzzese. 

Rocca Calascio GetCOO

 

# Verso Rocca Calascio

Se capitate da Santo Stefano di Sessanio durante la bella stagione, avete del tempo a disposizione e amate le passeggiate, vi consiglio di recarvi al castello di Rocca Calascio a piedi, imboccando il sentiero che parte alla fine del paesino (sono circa 5 km di distanza).
Secondo me è il modo giusto per scoprire pian piano l’antica fortezza e familiarizzare con il paesaggio mozzafiato dominato dalle montagne.

Santo Stefano di Sessanio photo GetCOO

 

Io ho optato proprio per questa soluzione, più “faticosa” e lenta, ma decisamente più soddisfacente e d’altri tempi.
Lungo il tragitto ho assaporato l’aria e ho ammirato i colori brillanti e caldi di questa parte d’Abruzzo. Ogni tanto, girandomi, potevo scorgere l’austero e magnifico Gran Sasso. Finché dietro le dolci alture non sono comparsi il Castello di Rocca Calascio e la Chiesa di Santa Maria della Pietà.

# Il Castello di Rocca Calascio

Rovina di Rocca Calascio GetCOO

Situato a 1512 m, il castello è uno dei più elevati in Italia e in Europa. Quando arrivate qui copritevi bene, tira sempre vento!

Fu probabilmente Ruggero d’Altavilla a ordinare la costruzione con finalità d’avvistamento in seguito alla conquista normanna del 1140. La rocca era infatti in comunicazione con altre torri. Tuttavia, la prima documentazione che ne attesta l’esistenza è del 1239.
Il maschio centrale a base quadrata in pietra bianca è circondato dalla cerchia muraria in pietra (in parte crollata), con quattro torri d’angolo a base circolare. Il tempo, l’incuria e i terremoti hanno danneggiato la struttura, interessata da vari restauri conservativi tra il 1986 e il 1989.

Castello di Rocca Calascio GetCOO

 

Il sito è visitabile gratuitamente e durante l’estate si organizzano visite guidate.

La location è talmente bella che è stata scelta per girare varie scene di film importanti, tra tutti “Il Nome della Rosa” e “Lady Hawke”.

# Santa Maria della Pietà e Rifugio della Rocca

In prossimità del Castello, si trova la CHIESA DI SANTA MARIA DELLA PIETÀ.
A pianta ottagonale, fu costruita nel 1596 nel luogo in cui, secondo la leggenda, gli abitanti del posto sconfissero una banda di briganti. Quest’episodio è ricordato nella tela della “Vergine Miracolosa” conservata all’interno del tempio.
Purtroppo la chiesa è spesso chiusa.

Ai piedi del Castello sul lato opposto a Santo Stefano di Sessanio sorge l’antico borgo di Calascio che regala straordinari scorci tra le casette in pietra, le suggestive piazzette. Nel paesino ci sono ben cinque chiesette, tra cui la chiesa di San Nicola di Bari (XVI secolo) e quella di Sant’Antonio Abate (XVII secolo).

Da qualche anno a questa parte una coppia di imprenditori romani, innamorata del luogo ha acquistato e ristrutturato vari edifici, aprendo LA TABERNA DELLA ROCCA, un albergo diffuso e un’ottima trattoria dove gustare specialità del posto. Gnocchi di patate locali con ricotta e zafferano di Navelli, zuppe di legumi, salumi e pecorini super buoni!
Una piacevole esperienza per immergersi in un’atmosfera antica, magari durante un romantico e rilassante weekend.Rocca Calascio Taberna della Rocca GetCOO

In ogni caso, al Castello di Rocca Calascio è possibile arrivarci comodamente in macchina! Al limitare dell’antico borgo c’è un pratico e comodo parcheggio e da lì tutte le indicazioni per raggiungere in 5 minuti a piedi la location mozzafiato! Consultate anche la guida di To the Roots su cosa mangiare in provincia dell’Aquila!

 

 

Please follow and like us:

Commenti

comments